Autocertificazione ECM - Università del Lavoro

Hits: 51

Autocertificazione Crediti ECM

L'Autoformazione come strumento per acquisire crediti ECM

L’autoformazione passa dal 10% al 20% per il triennio 2017-2019

Raddoppia la quota di crediti ECM autocertificati rispetto all’obbligo formativo. 

Quali sono i riferimenti che legittimano l'autoformazione?

I Professionisti Sanitari, oltre alla partecipazione ad eventi formativi ECM svolti da Provider accreditati a livello nazionale o regionale, possono svolgere attività di formazione cosiddetta “individuale”, ovvero quel tipo di formazione non organizzata da un provider accreditato, ma che può
dar luogo al riconoscimento di crediti ECM.
Le attività che danno diritto al riconoscimento di crediti individuali sono:

  • autoformazione
  • tutoraggio individuale
  • crediti esteri
  • pubblicazioni scientifiche
  • sperimentazioni cliniche

La Determina della CNFC del 17/07/2013, al par. 5, definisce l’autoformazione “autoapprendimento derivante da attività di lettura di riviste scientifiche, di capitoli di libri e di monografie non preparati e distribuiti da provider accreditati ECM e privi di test di valutazione dell’apprendimento con il limite del 10% dell’obbligo formativo individuale triennale (fino ad un massimo di 15 crediti nel triennio)”.

Ad oggi, non solo la possibilità è stata estesa a tutti i professionisti sanitari, ma è stato variato il limite per l’autoformazione, portandolo fino al 20% dell’obbligo formativo individuale.
Il vincolo percentuale è calcolato in base all’obbligo formativo individuale del singolo professionista, per cui potrà variare a seconda della persona che richiede i crediti per l’attività: se l’obbligo formativo individuale è pari a 150, l’autoformazione potrà essere valorizzata per un massimo di 30 crediti; se invece l’obbligo formativo individuale fosse minore, diminuirebbe anche il numero di crediti riconosciuti dell’autoformazione, che rimane comunque pari al 20%. Ad esempio, su un obbligo formativo di 120, i crediti per autoformazione potranno essere al massimo 24.
L’attribuzione dei crediti a questa attività si basa su un criterio temporale, per cui 1 ora di impegno nell’attività corrisponde a 1 credito ECM. Di conseguenza saranno valorizzabili come autoformazione al massimo 30 ore di impegno (ovvero 30 crediti) qualora l’obbligo formativo
individuale corrisponda a 150 crediti. Qui è possibile consultare la guida Co.Ge.A.P.S.

Perché dovrei certificare la mia autoformazione?

La certificazione dell’autoformazione non è stabilita per legge. 

Tuttavia, due aspetti sono molto insidiosi, tanto da dissuadere la maggior parte dei professionisti sanitari ad usufruire di questa opportunità. 

Il primo aspetto riguarda l’effettiva lettura, in quanto potrebbe essere messo in discussione in assenza di un elemento in grado di provare con certezza l’evento. 

Il secondo aspetto riguarda il numero di ore effettivamente dedicate alla lettura: come è possibile stabilire quante ore effettivamente il professionista sanitario ha dedicato alla lettura di quel particolare documento? 

Non a caso ogni autocertificazione deve essere sottoposta ad una validazione prima di poter essere accettata ed in caso di ci contestazione diventa praticamente impossibile far valere i propri diritti se non si può dimostrare in modo oggettivo la propria tesi.

Ecco i vantaggi della certificazione dell’autoformazione:

Aggiornamento continuo

La disponibilità di documenti viene arricchita continuamente e messa a disposizione dei professionisti sanitari su vari temi di interesse professionale.

Certificazione dell'avvenuta lettura

la certificazione viene rilasciata solo dopo che si è fatto accesso al documento ed è stato trascorso il tempo prestabilito restando sul documento: non c'è modo per ottenere la certificazione prima che sia trascorso il tempo prestabilito.

Prevenire è meglio che curare

Con la certificazione dell'autoformazione si previene la possibilità di non veder riconosciuti crediti necessari a raggiungere il numero obbligatorio: per questo la certificazione viene allegata alla richiesta.

Certificazione del numero di pagine

ogni documento presente nel portale ha un suo certificato dedicato che riporta gli estremi del documento, il numero di pagine, l'obiettivo formativo e il tempo dedicato alla lettura.

Dimostrazione oggettiva in caso di contestazione

La certificazione viene emessa da Università del Lavoro che è un ente terzo: in questo modo è possibile opporsi ad una eventuale contestazione in caso di mancato riconoscimento dei crediti ECM.

Qualità dei documenti

i documenti presenti nel portale sono selezionati secondo gli obiettivi formativi richiesti dalla normativa e provengono da fonti autorevoli. In questo modo è possibile reperire agevolmente testi per la propria autoformazione.

FAQs

Qui trovi le domande e risposte più frequenti.

posso chiEdere il riconoscimento dei crediti per autoformazione senza la vostra certificazione ?

Assolutamente si, il sistema di autocertificazione non obbliga ad una certificazione di terze parti.

Tuttavia, un sistema la certificazione serve a prevenire eventuali non riconoscimenti deu crediti maturati o, in ultima analisi, a contestare il mancato riconoscimento.

che vantaggi ho con il vostro sistema di certificazione ?

I vantaggi sono molteplici, ma il più evidente è che vengono certificati l’effettiva lettura del documento, le pagine di cui è composto e le ore effettivamente impiegate.

Tutto ciò al fine di poter far valere la propria autocertificazione in caso di mancato riconoscimento.

cosa accade se non viene validata la mia autocertificazione ?

In caso di mancata validazione della propria autocertificazione ed in assenza di elementi oggettivi che dimostrino quanto autocertificato, non verranno riconosciuti i crediti spesi per l’autocertificazione. Crediti che bisognerà recuperare in altro modo.

perché nella vostra certificazione non è presente da data di inizio e la data di fine della lettura ?

La nostra finalità è di attestare che è stato effettivamente letto un determinato documento, che lo stesso è composto da un determinato numero di pagine e che la lettura ha impiegato un certo numero di ore: tutti elementi che servono al riconoscimento dei crediti.

Lasciamo che data inizio  e fine della lettura sia a cura del professionista sanitario.

i documenti disponibili verranno incrementati?

A breve verranno resi disponibili altri documenti.

 Nel tempo verranno messi a disposizione sempre più testi, su vari argomenti.

come si accede ai testi ?

Una volta completata la procedura di adesione verrà creato un account per l’accesso al Campus Università del Lavoro per via telematica.

Qui saranno disponibili i testi per la lettura.

Ultimo richiamo

Vuoi Iscriverti al sistema di Auto Certificazione ECM?

Exit Popup for Wordpress